31 December 2007

call me rudolph

stuck at home with festive cold and all for a week now, nervously sneezing my way through the house of old in one of my best incarnations ever of a christmas favourite, I looked up in the sky at a christmas full moon and back at fond memories of a year (sort of) solidly spent in my good old country, currently under (and under-standably so) heavy fire from both the yankees (here) and the brits (here and here), and concluded I'd hang around over here a tiny bit longer, if u don't mind... here's to 2008, then... hope it'll see you flying safe and sound, "little" one!;-)

19 December 2007

so this is christmas ... so what!?;-)

Wow, after I jumped it occurred to me life is perfect, life is
the best, full of magic, beauty, opportunity... and television...
and surprises, lots of surprises, yeah... and then there's the best stuff,
of course, better than anything anyone ever made up, 'cause it's real...

Jeremy Davies (alias Tom Tom),
from "The Million Dollar Hotel", Wim Wenders, 2000

For those who know what I'm talking about up here, that's a quick summary of (the best of) my 2007, for the worst you'll have to find it out by yourself, if you can bother, but I'd never spoil the festivities by grumbling about the immensity of life, would I!?;-)

Particularly warm greetings to Marco y Rosaria from La Laguna (ES), Sergio from Madrid, Carlo from Vancouver, Odysseas from Roma, Dani y Olga from Tonantzintla (MX), Daniela from Madrid, Emma from Malmoe, Jeff from Socorro (NM-US), who provided a bed, a couch, a floor or something for me to lay my tired astro-traveler's self during the past year, and to all those who nicely offered some hospitality but to whose offers I couldn't oblige for a number of reasons (this is not to say I didn't try, and you know it!;-)

Not without some fondness I think about Markos & Myrto, Carlo & Simo, who've been and still are writing up like crazy (you'll be alright folks!), Gabriele & Lucia who'll be joining the group's daily grind (well, I told you not to!;-) and Padova's "astrosocials" for the good times.

Finally, let me raise a toast: to all of you, "may you always be courageous", and to my bittersweet home country, for everything under its fiery sun and for everything we must ask of ourselves in order to make it a better place to live and work.

It was all, as I was warned at the very outset, one "bel casino".
And standing there, drenched by the rain, I realised that I didn't
want to live, couldn't even imagine living, anywhere else.

Tobias Jones, "The Dark Heart of Italy: Travels
Through Time and Space Across Italy", 2003

Well, sort of...

30 November 2007

Autumn Campaign

My astro-traveler's autumn campaign comes to an abrupt end with my landing in Venezia, after a rather lively month spent between Scandinavia and the US.

An interesting oh-so-northern-european appetizer kicked things off in Stockholm, where while not quite losing my underwear as Dr J reportedly did over the summer it was nice and all, with Old Town dining and catching up with colleagues and projects from all over the place. And then it was down "south", on the evening train to lovely Malmoe to (barely) catch up with sweetest Emma, and finally, across the channel through the tunnel I had seen being built, I finally got back to Copenhagen, where it all got started oh-so-long ago, and back to Erik & Aase's place, talking (non-)religion and (mostly) science with long-forgotten passion.

The US of A greeted me with my first "Smallville" episode and said goodbye with a frantic search for a few Doritos bags throughout LAX. In the meantime, sparse and unrepresentative bits from the south-western US campaign have included:
  • warming up while sitting at the tables by Chandler's canteen at lunchtime
  • catching up with lovely Stella and her (admittedly unnerving!;-) science drive
  • Socorro's Capital bar (aka *the* bar of Socorro!:-)
  • Thanxgiving at an Holiday Inn in El Paso with Dr Wagg
  • walking along the peace-sign-shaped VLA
  • watching the snow storming Albuquerque from atop the Plaza Inn
  • disturbing thoughts & dreams brought along by Chris/Alex/Sean/Eddie & their Into The Wild
  • finally discovering where the Huntington is on a sun-kissed saturday afternoon jog
And when the jogging finally took me into San Marino city limits on a cloudy saturday night and on the fences I started seeing post-thanxgiving Christmas decorations, I realized it was time to go back where Christmas comes from, or sort of, anyway.

Throughout, my listening mostly to sweet and moody soundtracks admittedly hasn't done me much good, but the cinema and the jogging (not to speak about the science... oh, and the book-shopping of course!;-) have been great!;-)

12 November 2007

985 California East

Qui a Pasadena, il sole spezza un po' troppo sporadicamente le nuvole grigie che ci accompagnano il resto del tempo. Ancora niente pioggia, ma un fresco autunnale che si spezza giusto quando c'e' il sole, e li' sembra invece quasi primavera. Qui, nell'appartamento dietro l'angolo dall'istituto, dove ci si rifugia a ore "qualsiasi" per riprendersi un po' dal jet lag, capita a tratti di voler addirittura accendere il riscaldamento. Qui, an ocean (plus a continent and a half, for that matter) apart", capita di guardare vecchi film, ripetendoseli distrattamente tra se' e se' mentre si sonnecchia quasi senza fissare lo schermo, e non sembra nemmeno passato troppo tempo...

25 August 2007

Ricordini Messicani

Migliori souvenir mexicani (mai comprati) di sempre. Chi indovina (nei commenti) a chi avevo pensato nel guardarli sulle bancarelle con un ghigno idiota se ne guadagna uno per la prossima volta che ci vado, si'!?;-)

- borsa di vimini a forma di porcellino a Oaxaca (geniale - voto 10)

- "pupazzetti" guerriglieri d'ogni foggia e dimensione un po' dappertutto in Chiapas (gia' visti e rivisti ma sempre d'effetto - voto 9)

- magliette dipinte a mano con su rettili vari a San Cristobal (a new spin on an old classic - voto 8)

- calendari maya imposti su ogni cosa e in ogni angolo in Yucatan (per gli astro-inclini - voto 7)

- mini-trittici pittorici di mele multicolori a Puebla (per gli appassionati del genere - voto 6)

Un caro pensiero va alla festosa brigata British Airways / Delta Airlines / AeroMexico / Air France per una serie di "interessanti" esperienze di volo e di attesa dei bagagli, ma soprattutto a Dani y Olga, latest but hopefully not the last of the adorable astro-couples looking after me around this crazy world... c u soon in Padova, folks!;-)

21 August 2007

Latest From Your Bus Seat #13 Road Warrior

On his way back from hurricane-swept Yucatan your dearest Mattia today was stopping over in Oaxaca (City). Originally a little annoyed by his not having found the guts to gulp down an extra 12 hr bus trip which would have taken him to the Southern Mexican Pacific Coast and fabled Mazunte, he was positively and pleasantly surprised by the charm of the city, its fancily colourful arts galleries and its slow ways. As soon as he jumped off the night bus from San Cristobal and his de riguer seat #13 (which appears to be the *only* free window seat on *any* Mexican bus, leading to the conclusion that not only people here, including tourists, are superstitious indeed, but also that, as he's often suspected, 13 is the more likely Answer to the Ultimate Question, rather than the 42 honoured by tradition), as he was regaining his legendary composure after the crazy bus driving so costumary here, he couldn't help noticing "little differences". For Oaxaca is the first place he meets along his path where one is not invariably approached by children with wide eyes moaning "un peeesooo..." or by the more hardened merchandise street sellers, bur rather first looked at suspiciously as someone not belonging and then quickly smiled at when one cracks a smile himself. Tourists do not belong *that* much in Oaxaca, and after a quick adjustment that feels good. Oaxaca is one of those places where, as u r feverishly reading the last pages of your favourite summer 2007 book on the church steps, you can meet sweetest wide-eyed Beth who wants to talk some english (or possibly chat me up, as the case might be, but those who've been following me closely surely know better!;-) and reminds you of that little something u've lost about two years ago these days and which doesn't seem to be coming back anytime soon. Oaxaca is a place where the neighbourhood echoes with folk-hip-hop music a' la 99 Posse (or rather Molotov really) rather than the ever-present techno-like crap of Yucatecan tourist traps. It's a good place, much like more touristy San Cristobal but with more character, feels like a good place to conclude this small trip of mine. And as for you, little one, I guess "I'll meet you further on up the road", sigh...

19 August 2007

los ricos tambien roban

Solo uno slogan da t-shirt come tanti altri, ma leggerlo addosso a un bimbo (tra i tanti che mi si avvicinavano sorridendomi "un peso, señor" o indicandomi un lecca-lecca con occhioni spalancati) mentre salivo pensieroso sul "colectivo" che mi avrebbe riportato a San Cristobal da San Juan Chamula mi ha fatto pensare... San Juan Chamula con la sua curiosa religione "cattolica" con San Juan Bautista al centro dell'altare, l'assoluto divieto di fare foto (something about picture taking steling the soul, and at least as picture taking goes around here u've got me with u on this last one, folks!), la fila di soft drinks davanti ai fedeli inginocchiati perche' pare che ruttare sia un segno di apprezzamento per la divinita' o cose cosi', curioso esperimento tra i presumibilmente tanti dell'indio-cattolicesimo dei tempi che furono ma sopravvissuto a ricordarceli... e San Cristobal con i suoi monumenti e musei e souvenir inneggianti all'orgoglio indio, meritori ma che anche con tutta l'immaginazione del mondo non sembrano offrire una soluzione agli stenti di tanti altri popoli... e se anche i ricchi rubano (e ci mancherebbe altro), oggi i problemini del nostro vecchio mondo mi sembrano un po' piu' grandi di prima...

14 August 2007

ferragosto con i maya

maledendo la mia "lungimiranza" che mi porta sempre a partire con guide quasi-obsolete (LP 2002 del Mexico, ottima annata!), infine abbandonato come un cane per strada (well, as a spoiled eco-tourist in the cabaña!;-) da Dani & Olga che proseguivano verso sud, eccomi in un sudaticcio internet-coso in dreadful tulum pueblo a ripercorrere la storia delle riforme delle numerazioni telefoniche messicane (non meno numerose ma certo meno dannose delle riforme universitarie italiane) alla ricerca del numero di una determinato posada che costi, di grazia, quanto dovrebbe costarne una da queste parti... il mio viaggio in solitaria lungo le orme dei maya (ma se vogliamo anche di quelle dei backpackers da poco) comincia all'insegna della confusione informatica e telefonica... e domani sera lo spettacolo serale "light & sound" (in perfetto stile ferragostano, gesu'...) di Chichen Itza si aprira' per me in tutta la sua magnificenza, speriamo solo senza venditori di "coooca colaaa... geeelatiii..." lungo gli scalini delle ripide piramidi locali... ma no, via, e' solo l'ambiente del backpackers's pueblo che mi fa sragionare... prima di partire, ultima notte con il mare gentile ma fragoroso che quasi ti tiene sveglio, e tante, troppe da seguirle tutte, le stelle cadenti in riva alla spiaggia buia come non se ne vedono nemmeno nelle mie isole fatate, desideri a strafottere per me, quasi giusto, si potrebbe dire, peccato io ne abbia solo uno un po' consunto... ma se qualcuno vuole qualche voucher-desiderio, glielo regalo volentieri...

07 August 2007

mexican working nights (for the prospective speaker is not less confused that the galaxy surveys he's planning)

the walls are closing in on tomorrow morning's speaker, who characteriscally had too much too drink and who therefore, in the comfort of his room, cannot come up with the ultimate humorous slide to end his talk on a high note... and while almost thoughtlessly erasing unfortunate never-sent sms drafts, uncomfortable images of John Cusack somehow resurface, not without the odd image and line straight from some The Cure video or other... but don't you get him wrong, "most of the time, I don't even care, if i ever see her again", still the farther he flies the less doubt he has as to what would have been "right"... but then again, if only his luggage were found, the rainy nights here perhaps wouldn't feel so cold...

01 August 2007

Don't u hate it when people tell u about their long and tiring trips?;-)

Nonostante l'ammirevole impegno al volante di Papa' e Daniel, ai due lati della "catena di viaggio", ci sono volute una trentina di ore buone ("da letto a letto"), malinconie quanto basta, troppi "rms airline sandiwches", svariati moduli per immigrazione e dogana (gia', anche la dogana, anche senza bagagli, che' l'ironia non e' una dote... di cui sian colmi i doganieri... firuli' firula') e lo smarrimento di entrambi i miei bagagli da qualche parte nel minaccioso ventre degli aeroporti di Londra e/o New York, per arrivare quaggiu' ... Mexico, u'd better be worthwhile!;-) Time for a nap, folks, too bad the birds are singing and a Mexican full-ish moon is waning...

31 July 2007

pronti ... via!

Bene, miei cari, qui e' tutto pronto: uno zaino dall'aspetto (ma anche dall'assetto, via) non troppo invitante e' appoggiato alla macchina con tutte le sue magliette e felpine e pantaloni piu' o meno pesanti, lo zainetto degli "extra items" gli fa buona compagnia accanto con scarpe e costumi, maglione per visita a telescopi ultra-4000 e poco altro, lo zaino di "lavoro", ancora qui accanto al mac, e' invece pieno di draft che non leggeremo, di guide coloratissime e noiosi frasari. Il Venezia-Londra-NewYork-MexicoCity e quei burloni del summer 2007 coolest astro-workshop mi aspettano, qui sui colli fa un fresco e un terso autunnale, e forse non c'era tempo migliore per inaugurare la "tournee' estiva" per il riluttante/volenteroso viaggiatore che e' in me.

Ci ritroveremo dunque a fine agosto, ma piu' probabilmente a inizio settembre, ebbri di ricordi e nostalgie, a bere uno spritz o due negli usati baretti!? Ai posteri...

Hasta Luego - M

24 June 2007

Leaving & Living...

Annoiato come si puo' essere solo facendo i bagagli per un viaggio di lavoro quando fuori splende il sole e tu vorresti solo tuffarti in acqua e nuotare fino a non sentire piu' le braccia, uno guarda gli adesivi che ne costellano il "coperchio" di un laptop, e (specie se ne e' il propietario) non puo' che commuoversi un pochino, a quella selezione di posti piu' o meno esotici rappresentati e ricordi connessi. Ma il fatto e', che giusto a 40 rotondi mesi di distanza dal suo acquisto, il mio prediletto hal90000 (powerbook 15"), febbraio 2004), ha trovato un degno successore nel suo piu' asciutto emulo, per ora noto come sisifo (macbook pro 15") e poi chissa'. Ma per questo viaggio almeno, il vecchio hal90000 sara' ancora con me, di ritono nella Ville Lumiere dopo davvero un sacco di tempo (August 1999 total solar eclipse enybody? Sooo much time...).

E tra gente che ha da poco cominciato a lavorare nel mitico mondo dell'IT, gente che non smette (quasi) mai di farlo con buona pace della GA (whatever that means) ancora da produrre, gente tornata dal mare assieme i propri incubi e che ancora non riusciamo a consolare, gente a cui con la complicita' dell'estate vorremmo scrivere le usate parole, gente che se ne sta per andare down under dopo essersi persa (assieme al sottoscritto, sia chiaro) quello che si annunciava come un buon mega-concerto estivo, gente che mi guarda con occhi profondi e mi racconta, seduti in Prato, di cose di cuore che ahi conosco cosi' bene, gente che si laurea tra 10 giorni appena e pare proprio che sara' una bella festa... tra tutta questa gente, e qualcun altro cui riusciamo a pensare appena senza scottarci, ancora una volta pare difficile rincociliarsi con le proprie sconsiderate fortune... ma mordersi il labbro un attimo, bagnarsi un attimo di questo sole che scotta davvero e porgere la carta d'imbarco alla severa hostess forse bastera'...

07 June 2007

after-spritz thoughts...

E tornando a casa, dopo una serata piu' lieta di tante altre ma scocciato da come tanto spesso di questi tempi distogli lo sguardo senza motivo e da come i dcfc subito ti ricordano di com'era quando "I rationed my breathes as I said to myself that I'd already taken too much today", guardi sul sedile vuoto, accanto a te, e ricordi a mo' di incubo come ancora vorresti vederci sopra un certo delicato capolavoro di tua conoscenza, o come potrebbe essere bello, for a change, vederci un paio di occhi nuovi, magari qualcuno di quelli che hai incrociato questa sera, o proprio quelli che di questi tempi sai essere dubbiosi e insicuri... e arrivare a casa, e vincere una tentazione momentanea a mettere mano al cellulare per qualche unfortunate sms, e trovare sullo schermo parole scritte da questi occhi, e voler dire loro che tutto andra' bene, probabilmente illudendoti di essere infine pronto a prendere la vita cosi' come viene, sia come sia... "And it came to me then that every plan is a tiny prayer to father time", assieme alla tua reticenza di fronte al farne, di piani, e alla tua dubbia sensazione di avere qualcosa da scrivere, piuttosto che reagire a certi "blocchi" creativi come i Pink Floyd dei bei tempi, cioe' con un lungo e doloroso concept album, come giustamente osservava Tommaso... tempted to switch off, here and now, for life is larger than the largest text editor window, and the sun is brighter than the brightest screen...

05 May 2007

early bird anybody!?

Giornata buffa, questa di sabato, per svegliarsi presto e mescolarsi ai cloni delle 8 del mattino gia' cinguettanti per le piazze, ma la dura disciplina della ZTL, assieme alle copiose multe fioccatemi addosso quest'inverno, sono state persuasive, diciamo. E guidando verso casa sotto un sole tornato a farci compagnia nella notte a lenire la malinconia per il calare della luna, oltre a interrogarsi su quale diamine sara' il codice del bancomat (!?;-) ci si chiede inevitabilmente com'e' possibile che ci sia tutto 'sto traffico, a 'ste ore ... e si ascoltano i dcfc oramai stanziali in bay 4&5 strizzando gli occhi pensando ai prossimi viaggi non senza un certo magone...

02 May 2007

Alpine Full Moon

And a peaceful full Moon finally pierced through the clouds and shone on me, as I dizzily got out of the "refreshments & entertainment" building, and as some dancing green(ish!?) eyes kept on partying I was suddenly overwhelmed by the weight of this whole thing, of my looking hopefully without being seen, of my sudden playing table football on my own, in the dark, wishing I was somebody else, at some other time in some other place... but that's all there is, or so I'm told, and as I look at my admittedly cute but slightly drunk reflection in the window I wonder where all of this is going to lead, and I pray the God of little things to help me out, for there's little I can think of, these days, peut etre 'cause I'm tired and all, but still...


28 April 2007

when comments to somebody else's blogs slip out of hand...

for maybe ghosts are indeed all that's left to us, and we thus blindly but determinedly cling to them for the fondness they still manage to inspire, sure, but also and possibly mostly for lack of better "ideas". It all feels funny, up here, out of time and space and life, and tonight as I'm trying, without being seen, to lose myself into a pair of green (really!? and since when have I been able to tell their color!?) eyes, I go back, not without some curious urgency, to pictures of another life, and, not without some curious disappointment, have to conclude that I don't feel as bad I used to... and suddenly a curious lack of purpose tries and get hold of me ... but temptations make you stronger, they say, so let's enjoy the French Alps and some music...

15 April 2007

mental notes, albeit soon to be forgotten, if at all possible

Giornate strane, malferme, a tratti stordite ma sempre benedette dal sole, con parole e pensieri variamente pensati e poi per lo piu' perduti...

- un viso solcato dalle lacrime a ricordarmi che cosa potrebbe significare, magari nei ritagli di tempo, onde non disturbare, essere ancora vivi
- sole, e vento, e nonostante tutto sorrisi, lassu' sui Colli e poi sulla Torre
- una voce d'altri tempi a seguire un sms piu' o meno sventurato, a ricordarmi brevemente quanto si possa essere sciocchi, ancorche' felici, anche solo per un attimo, anche dopo tanto tempo
- un severo-ma-giusto scambio di sms a ricordarmelo, che' trattarsi bene non e' uno sport da signorine
- il tutto allietato dalla conclusione delle vicende della Toppers' House gang of 4, e dalla realizzazione che pensare a quello che si vorrebbe, *davvero*, e' un'arma a doppio taglio da non dirsi

'Cause if "pretending I'm not" doesn't feel that bad, at times, who knows what the real thing feels like any more!? But sure enough, as the possibly dry but certainly fairer than most old Buk used to say, "if you have the ability to love / love yourself first", for what is worth, I might add...

12 April 2007

... 'cause continuation dots are overrated ...

"now and again it seems worse than it is / but mostly the view is accurate", as one of the highlights of a given compilation said... and still says, for that matter, for the said compilation has been on the prestigious bay 1 of my car's stereo CD player for longer that it'd have been healthy, and would, incidentally but seriously, be in need of a worthy successor, if only its self-proclaimed uncool music-savvy creator thought about it before going down under... but that's not the (main) point of today's musings of mine, nor the (main) point of last night's heavy drinking, 'cause no matter what or where, indeed I seem to always be bound to "beat on", much a' la Gatsby, whether we speak of dangerously mixing the most unlikely drinks or of sending even more unlikely sms-es to those same oh-so-cute recipients during one of those regrettable moments of clarity which for some reason so frequently happen as you look at your drunk self in the mirror of a questionable pub's loo! one would only wish to have got the number wrong from memory, but I truly suspect this is not the case. and as I had the chance to muse some time ago with the aforementioned compilation's compiler, I'm struck by the blindingly obvious nature of the answer to that good old question ... "is this really it? of course it is, fella, there's nothing more to it, what were u thinking?" ... giornate che non hanno nemmeno la forza di essere cupe-cupe, "qui nel club di chi ammira il cielo" ...

13 March 2007


Un paio d'ore buone a giocare con i nuovi template di blogger e a modificarli con un sacco di nuovi trucchetti per rendere l'aspetto del mio blog il piu' simile possibile a com'era prima che cominciassi... si dice tanto male di come noi "sciensiati" si passa il tempo in ufficio, ma certo che anche a casa... oh, be', almeno troppi danni noi non se ne fanno!;-)

10 March 2007

la (dura) disciplina della terra (rossa;-)

oggi, per gli osservatori piu' attenti, era il 10 marzo, che poi era per me un tenero anniversario, in altri tempi... 15 anni fa!? pur non essendo io Vasco, certo avevo un'altra religiosita', si', e poi...QUINDICI!? Mamma mia...

comunque si diceva, oggi era infine weekend, e nel soleggiato torpore della "primissima" mattina era difficile credere alle proprie orecchie, a sentire il Dr J che finalmente aveva prenotato un'ora di tennis e che (!udite-udite!) si sarebbe giocato all'aperto...

e poi, con il mio ritardo d'ordinanza, sfrecciare sulle pigre strade del dopo-pranzo tanto vuote da ricordare la migliore estate padovana, e il sempre piu' surreale e tristemente noto metrobus a fare le ennesime prove davanti a san leopoldo, con quei tantissimi fiori rosa (pesco/ciliegio/mandorlo!? u tell me, folks!?) lungo la strada per la Specola...

e c'e' stato cosi' l'a-lungo-rimandato ritorno alla racchetta del Dr J, e piu' umilmente il mio dolcissimo e prematuro ritorno al tennis all'aperto, con un match dal sapore di tempi andati e "circuito dei veterani", schiene scricchiolanti e sbuffanti corsette a prendere "infide smorzatine" sotto un sole che scaldava eccome il "centralissimo" campo 5 del Tennis Pool, spalti non esattamente gremiti ai limiti della capienza e anzi una placida assenza di chicchessia per la la nostra oretta e mezza di palleggio "plus"... bello, speriamo di riuscire a farlo ancora e di non dover sempre ricadere nei loschi accoppiamenti officiati dal maestro!;-)

09 March 2007

hello, summer, good 2 c u again!;-)

questo venerdi' sembra particolarmente estivo e festivo, vuoi per l'assonnata folla in cucina intenta a chiacchierare in modo agonistico, vuoi per gli argini assolati pieni di cani&padroni, vuoi per l'avvistamento da parte dell'ansimante scrivetnte delle prime gnocchette in canottierina arancione che sembrano correre su fragilissime uova con le loro faccine schifiltose... e la palma dei vicini che si vede dal salotto, seduti sul divano rosso... oh, well, it's not quite weekend yet, let's try and get something done!

02 March 2007


Sempre perso a parlare di certe sfortune delle quali piu' o meno artificiosamente mi piace caricarmi le spalle, ci sono quelle fortune delle quali piu' o meno volonterosamente mi piace dimenticarmi. Tra queste ultime, quella particolarmente limpida di avere in svariati angoli di mondo degli impagabili "host(s)" che in omaggio alla nostra raminga vita di astronomi si fanno carico degli ansiosi sonni e del tenero farneticare dell'irrequieto viaggiatore quale sono.

How could I do without this crazy little community made of wandering astronomers, unspeakably kind and most preciosuly hospitable, incarnated on this latest occasion by Marcone & Rosy (thanx for having me stay "with" u!) and by Alejandro & Antonio (thanx for the beaches!), who make any trip doubly worthwhile?

Hasta luego, off 2 Madrid at Sergetto's...

24 February 2007

Island Moods...

Last night was spent at the Carnaval de Santa Cruz, perhaps "not exactly" my sort of thing but still worth doing, for a change, together with the sweetish Mistela which now perhaps misleadingly seems not bad at all. And in the morning, after the oh-so-usual short night's sleep, sort of climbing over the cliffs just off Las Teresitas, walking the warm sand and bathing into the hot sun in a distracted sort of way while considering I might have in the past too quickly dismissed these islands and their beauty. E nel pomeriggio, mazzi di stranieri decisamente fuori posto in Plaza del Adelantado con i suoi sonnacchiosi toni coloniali, e famigliole e arrampicatori e skaters alti un metro in libera uscita al Parque de La Vega. Ok, we're off to the Carnaval yet again, folks...

23 February 2007

Airport Hopping

Ieri di corsa a Bologna, con presentazioncina e accordi piu' o meno di alto livello e confusi quanto basta, e ora di nuovo in partenza, per una volta DAVVERO in ritardo ad asciugarmi le folte chiome con un occhio al telefono che mi informa che il solerte pilota e' gia' fuori casa... e la ahinoi familiare stretta al cuore a chiudersi la porta dietro le spalle, e chissa' poi perche', forse perche' partire e' sempre un po' vincersi, qualsiasi cosa dicano certe pealtro oh-so-cute commentatrici immaginarie!:-) E via, sull'ondivago furgoncino per l'aeroporto, dietro di noi in autostrada coppia fatale in occhialoni scuri (in mezzo alla padana nebbiolina, ndr) e abiti di ottima fattura e pessimo gusto sfrecciano e clacsonano a bordo di una Lexus (perche', un po' come per giocare a golf, per acquistare una SUV essere stupidi non e' necessario, ma aiuta molto, con buona pace di possibilita' economiche, buon gusto e sensibilita' ambientale variamente abbinate), infine in aeroporto, con accanto una giovane coppia americana per lo piu' intenta a leggere ma i cui rari discorsi sembrano tratti da un'ottima piece di teatro dell'assurdo, a suscitare quel senso di "morte" che ci assale in maniera inaspettata un po' dappertutto... ma e' gia' tempo "... del vuelo iberia con destino madrid ... blablabla ...", time to go, ultimo destino tenerife, amigos, nos vemos!:-)

21 February 2007

Dutch Seaside & Countryside

In "gita" in olanda per lavoro, sospeso tra il mare e la campagna locale, peraltro entrambi spruzzati da un eterna pioggerellina, fa molto mare d'inverno, con il faro dietro cui viveva Carlo che ora sta a Vancouver (Carlo, non il faro!;-), poca gente a passeggio, i ristorantini lungomare che si svuotano presto e i camerieri che gia' verso le 10 pm guardano i pochi clienti rimasti con un certo magone, e una quaterna di astronomi italiani che a tavola (s)ragionano di politica, sostanzialmente pensando le stesse cose ma in modo un po' pasticciato, forse per via della stanchezza... a meta' giornata si crolla gia' dal sonno, queste 2 settimane di viaggio (Amsterdam/Bologna/Tenerife/Madrid) saranno faticose... too old for business traveling!? Yawn...

17 February 2007

(more) warmongers on our doorsteps? no, thanx!

E per quanto insolito sia sentire "qualcosa di sinistra, qualcosa di civilta'" in bocca a tanti vicentini, con tanti piu' orafi che facinorosi tra loro (ma l'osservatore attento puo' elaborare su ciascuna provincia o paesino veneto e le sue professioni di riferimento, a parte la "sovversiva" Venezia oggi baciata dal sole per il Carnevale), per quanto a noi cresciuti "di sinistra ma soprattutto di civilta'" nella campagna veneta urti dover condividere, piu' o meno idealmente, le strade con tanta gente cui siamo poco avvezzi, per quanto allo scrivente sia in passato sembrato a tratti desiderabile che l'intera area ATTORNO alla caserma Ederle fosse rasa al suolo nottetempo, foss'anche per lasciare spazio a parchi per il relax dei virili militi e delle loro vezzose famigliole, c'e' un tenue germoglio di speranza, a vedere cause e persone tanto diverse per una volta unite... se poi pensiamo alla mia Montebelluna dove la sua giovane giunta "verde" sta cercando di farsi rieleggere, alla mia Padova che ora riempie le cronache con i "matrimony gay" piuttosto che con il "muro della vergogna", e al grido di dolore di Venezia soffocata da mille cose, si e' colti dall'insolita voglia di pensare al Veneto come ad un laboratorio di cose che verranno, se non altro per essere stato a lungo un posto dove di cose se ne facevano davvero molte, oltre che a dirne... chissa', per oggi sarebbe gia' abbastanza far presente, con calma, che davvero, qui non si sta giocando con i lego, ma con la (se non altro qualita' della) vita della gente, e che le sue "magnifiche sorti e progressive" l'homo americanus on his way (middle-)east e' bene che le persegua altrove...

04 February 2007

Midwinter Days...

Un paio di settimane "lattiginose", passate a lavorare a (ma soprattutto fino a) orari piu' inconsueti del consueto (oh, gioia cacofonica!;-), spesso immersi nella nebbia piu' padana delle omonime ronde, a girare per le neonate rotonde patavine schivando di un pelo sicuri ciclisti dagli occhi a mandorla e i piu' ondivaghi ciclo-studenti nostrani. Varie serate passate a bere vino buono e a sentire l'amico un po' troppo loquace monopolizzare la serata, a parlare con buffi osti del suddetto buon vino, a discutere del conto fino all'apparire della risolutrice banconota da 5. La mia prima lezione italiana, quasi piu' complicata di quelle danesi e inglesi, di certo piu' carica di sigificati che poi ora come ora mi sfuggono. Riunioncina di lavoro di nuovo molto italiana, a fare progetti per tempi troppo lontani per non intimidirti. E un sabato concesso alla pianificazione di viaggetti e concertini imminenti e quasi-estivi, con fare un po' troppo svogliato, rotto solo dalla faticosa e volitiva corsa fin sulla Rocca assediata dalla nebbia e concluso con la breve ma bella serata passata all'usato posticino sul colle, bagnati nelle ossa al nostro arrivo ma benedetti da una splendente luna quasi-piena e dal bel freddo limpido dell'inverno al nostro andarcene, ed e' gia' tempo di andare a teatro, complice un passaggio a casa per giocare con vario hardware e l'ineffabile mamma che cede di fronte all'ennesimo "Sogno", noi andiamo a timbrare il cartellino al suo posto!;-) Come dice qualcuno di giovane e saggio, febbraio passa presto, no? E oggi, con questo sole ritornato a allietare colli vari, era lecito crederci... magari sperando che delicati e ruffiani capolavori smettano di farci visita la notte sostituiti da un etereo Puck o da una garrula Hermia, che almeno per il momento ci intrattengano loro con "the stuff dreams are made of"...

If we shadows have offended,
Think but this, and all is mended:
That you have but slumbered here
While these visions did appear.
And this weak and idle theme,
No more yielding but a dream,
Gentles, do not reprehend;
If you pardon, we will mend.
And, as I am an honest Puck,
If we have unearned luck
Now to scape the serpent's tongue
We will make amends ere long,
Else the Puck a liar call.
So, good night unto you all.
Give me your hands, if we be friends,
And Robin shall restore amends.

(A Midsummer Night's Dream)

21 January 2007

In Praise Of Dial-Up (AKA What's ADSL For Anyway!?)

Ci sono certi giorni... tipo quei giorni (o piuttosto settimane!;-) in cui Telecom Italia si ostina a negarti l'ADSL, prima disattivandola proditoriamente "per errore", poi ritardandone la riattivazione con le scuse piu' creative... in questi giorni, e' chiaro, noi si sta comunque altrove, where fastweb rules, thanx god, che' altrimenti si impazzirebbe, in quelle notti passate a lavorare e a corrreggere gli essays di Giulietta, pero' poi il week-end capita che si passi per "casa", anche solo per 24 ore, magari, per onorare certe fondamentali commissioni invece che andare al "triple f", e dopo aver fatto un sacco di cose tutto il giorno, dopo copiosi brindisi allietati da chiacchiere su "vita, amore, e..." ci si ritrova che e' quasi mattina, inspiegabilmente dati i nostri forti propositi di una notte ristoratrice, e in queste ultime ore della notte, seduti di fronte al "melone" portatile dopo aver sbrigato le inderogabili formalita' informatiche nell'essenzialita' very much zen-like (ooohhhh, quarda la pagina come si carica leeennntaaa... ma tanto io sono un pacifico fior di loto, e ho tempo!;-) del dial-up, si ripensa a varie cose che in quest'era di uber-comunicazione e uber-reperibilita' si tenderebbero altrimenti a tralasciare.

Cose come...

- le persone che ci telefonano con determinazione e determinate domande, chi non c'e' verso che abbia il telefono acceso, chi se fosse per loro sarebbero anni che non ci si sente, chi non ha piu' voluto risponderci, al telefono, pero' quando gli gira... e quelli cui dovremmo telefonare ma non sappiamo bene "come"...
- che a tratti ci si sente vicini da non dirsi a persone mai conosciute davvero, e gli ci si affeziona in modo rispettosamente adolescenziale, ma poi per un qualche cosa di non detto la cosa si rompe, e si prova quel curioso e a tratti lancinante senso di abbandono, e che questo e' un peccato, o sciocco, o ingenuo, o forse tutte queste cose insieme, di certo imbarazzante, che' mai si puo dire di andare anche solo vicini a capire un'altra persona, fatto salvo il diritto di passarci un sacco di tempo insieme piacevolmente...
- che davvero, questa nuova super-caserma a Vicenza non sta ne' in cielo ne' in terra, che uno prediliga il punto di vista politico / sociale / tecnico / ambientale / umano, e che con buona pace di capo indiano Romano, "impegni" o meno, questa e' una delle prove forti che il governo dovrebbe superare con sicurezza per convincere almeno i suoi piu' accaniti sostenitori che, al di la' degli equilibrismi fiscali, una "linea" magari non di sinistra, ma almeno di civilta', loro ce l'avrebbero anche, a guardar bene...
- che se una notte, pur se tra le lacrime degli occhi assonnati, si trova finalmente la voglia, piu' che il tempo, di finire una delle storie su "zelda & scott", questa non puo' che essere una buona cosa...

...cose cosi', che poi sono cose sensate in numero superiore a quanto io abbia concepito in certe vuote settimane, e chissa' che la storia dell'ADSL non c'entri qualcosa... e se fosse che la "banda" troppo economica ci ha dato alla testa!? E se sul modem dovremmo scriverci "handle with care, may cause attention deficit, or outright mental death, for that matter", intanto anche questo sgangherato scrivere, sapendo di non poterlo, o doverlo, o volerlo, postare subito, suona piu' rotondo e piu' pieno, chissa' perche'...

sweet dreams, folks...

06 January 2007

Things We'd Blog About If Only We Had Some (MORE) Time To Waste

It's about two days now I'm lost in the nightmare of my beloved country incumbent phone operator (Telecom Italia) amusingly called "Customer Support", and I'm now resorting to good old dial-up not to report on my odissey but rather to point naive foreigners (but hopefully also the more open-minded onew between my fellow Italians) to similar "unsuccess stories", such as this one. Bottom line is, monopolistic wrongdoing is alive and kicking and Telecom Italia is its prophet, and the sooner we manage to spread the word and thus deprive Telecom Italia of a fair fraction of its faithful customer base the better will be for "king customer"... right, and now who shall I ring for some broad-band on this sleepy saturday afternoon!? Damn...